Un guasto elettrico provoca lo scatto di un interruttore di protezione: del magnetotermico o del differenziale, lasciando il locale o parte di esso al buio e senza tensione. Nel caso sia l’interruttore di protezione generale (ossia l’interruttore a monte di tutti gli altri, quello del contatore) a intervenire, si procede portando in posizione “off” cioè spento. Poi si procede con il ripristino che provocherà lo scatto dell’interruttore generale così si individua la zona del guasto.

ùPer ripristinare gli interruttori di protezione, eccetto quello che fa capo al circuito guasto, si scollegano tutti gli elettrodomestici e ogni altro apparato elettrico collegato al circuito difettoso e si provoca a ripristinare l’interruttore di protezione. Questa operazione non provoca lo scatto dell’interruttore generale ed è possibile identificare il guasto ricollegando uno per volta gli apparecchi elettrici precedentemente scollegati. Rivolgere l’attenzione su plafoniere, lampade, ecc.

Se anche questi controlli non danno segno positivo si deve intervenire sulla scatola di derivazione del circuito in questione: Si toglie tensione al circuito. Dopo avere individuato la scatola di derivazione, si scollegano tutte le coppie di fili elettrici collegate alla linea dell’interruttore di protezione.

Si darà tensione all’impianto e si ripristina l’interruttore di zona; l’esito deve essere per forza positivo, ossia non deve intervenire nessun interruttore di protezione. Il ripristino di una coppia di fili causerà invece l’intervento dell’interruttore di protezione. Sarà sufficiente seguire il percorso di questa coppia di fili per trovare il guasto.

Come Cercare un Guasto Elettrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *